3 trucchi per superare la paura di fallire nello sport

La prima cosa che devi chiederti  è “cosa mi spaventa? Qual è la causa della mia paura di fallire?

Una risposta “sincera” può rivelarne la causa ma soprattutto è il primo passo per aiutarci ad andare oltre.

In alcuni atleti, ad esempio, questo timore deriva dalla possibilità di deludere amici, familiari, allenatori o chiunque abbia investito in loro, per altri invece da una sovrastimata aspettativa di se stessi o un’arrendevole mentalità durante la competizione. Qualunque sia il motivo, scoprire ciò che sta alla base è questione primaria, specialmente per il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Tutti noi abbiamo dubbi ed affrontiamo paure, ma gli atleti di successo ci insegnano come superare le circostanze negative e di conseguenza mantenere un’attitudine positiva.

SII SEMPRE POSITIVO
Come per Jovanotti, essere sempre positivo è un ottimo punto di partenza, aiuta a pensare in modo concreto e può portare ad ottime performance sia in allenamento che in gara.

SCEGLI ATTENTAMENTE IL TUO OBIETTIVO
E’ importante che i tuoi obiettivi siano appropriati alle tue capacità. Il ruolo del preparatore in questo caso è fondamentale. Svolgere workout troppo difficili, strutturati male o non pensati per te, possono essere deleteri sia fisicamente ma soprattutto mentalmente, ti trascinano l’umore sotto le suole e non fanno uscire il meglio di te.

SCEGLI ATTENTAMENTE IL TUO PARTNER NEGLI ALLENAMENTI
Non pensare mai di essere da solo, il sostegno di un gruppo è fondamentale per la longevità negli sport di endurance. Amici positivi e resilienti, compagni di allenamento ed allenatori possono fare la differenza in un atleta.

Il mio consiglio è di diventare forte prima mentalmente e poi fisicamente, di circondarti di persone positive che credono in te ed in grado di sostenerti nei momenti di difficoltà. Ci sono poche certezze nella vita, per questo, accettare la possibilità di fallire aiuta a  togliere molta pressione e permette di guardare avanti in modo produttivo.

Alberto Lorenzetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *